La chiesa di Sant’Antonio Abate è stata fondata nella seconda metà del XVI secolo dai frati Carmelitani, attigua al già esistente monastero. Accanto all’edificio sorgeva anche un piccolo cimitero. Soppresso il convento nel 1653, oggi convertito ad uso abitativo, la chiesa fu ampliata. Si presenta oggi con pianta ad aula unica e cappelle laterali. Dal coro si innalza il campanile, con cuspide sulla sommità.

La facciata è a capanna, con un rosone ancora visibile nella sezione superiore. L’ordine inferiore è coperto da un nartece in mattoni, con aperture ad arco frontali e sui lati. Al di sotto rimangono tracce di antichi affreschi e finestre ogivali.

Tra le decorazioni interne ricordiamo gli antichi affreschi di santi, simboli mariani e motivi ornamentali che decorano tutte le superfici. Tra questi una AnnunciazioneSan Carlo Borromeo e Santa Barbara. La chiesa conserva inoltre due raffigurazioni di Gesù in elaborate cornici in stucco e due tele con le beate Caterina Moriggi da Pallanza e Giuliana Puricelli da Busto Arsizio.

Info Utili

Come raggiungere

Contatti

Fonte

Contributi e testi a cura di UPEL Cultura: “Luoghi in Comune